Politica sui Cookies

Questo Sito Web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. Continuando ad utilizzare questo sito Web stai implicitamente autorizzando l'utilizzo dei cookies. Per accettare in via permanente e rimuovere questo avviso, fai click su 'ACCETTO'.

raffredamentoGli scarichi industriali possono avere una temperatura molto differente a seconda del processo in corso, raggiungendo picchi di 70-80 °C per poi avere scarichi a 20-25 °C. Se il refluo viene trattato tramite ossidazione biologica, i batteri non sono in grado di sopportare tali cambiamenti repentini di temperatura. Con una sezione di accumulo ed omogeneizzazione è possibile limitare e contrastare gli effetti dei picchi, ma se anche in questo modo la temperatura nella vasca di equalizzazione è superiore a 38 °C, allora è necessario installare un sistema di raffreddamento.
I batteri mesofili, che si sviluppano tra 4 e 42 °C, hanno un tasso di metabolizzazione ottimale tra 24 e 38 °C. Oltre i 38 °C, vi è una significativa diminuzione del loro metabolismo, o velocità di reazione; i fiocchi di fango si rompono, creando un fango che non sedimenta e quindi causando una elevata torbidità dell’effluente; il tasso di rimozione COD diminuisce e si riduce anche la velocità di trasferimento dell'ossigeno, dimezzandosi tra una temperatura di 32 e 42 °C. Per cui temperature troppo elevate comportano bassa efficienza di ossidazione, alta concentrazione di COD, BOD5 e solidi sospesi in uscita e aumento esponenziale dei costi di aerazione.

Tramite una torre di raffreddamento, invece, è possibile abbassare la temperatura dell’acqua fino a 4-6 °C al di sopra della temperatura del bulbo umido del luogo in cui è installato il sistema. Il calore non viene recuperato, ma viene disperso in atmosfera.
Solitamente la torre di raffreddamento è realizzata in PRFV, o altro materiale resistente alla temperatura e alla corrosione, e all'interno ha un letto di corpi di riempimento a flusso incrociato in materiale plastico.
Le caratteristiche di questi corpi di riempimento sono molto importanti, perché evitano un rapido sporcamento e l’ostruzione dei canali, che altrimenti comporterebbero una conseguente diminuzione della superficie disponibile e una forte riduzione dell'efficienza del sistema.

raffredamento2

Dal punto di vista operativo, l'acqua da trattare entra nella torre di raffreddamento dalla parte superiore ed è spruzzata sui corpi di riempimento attraverso degli ugelli. L'acqua attraversa il letto dall’alto verso il basso, mentre l'aria atmosferica, aspirata da uno o più ventilatori, attraversa il letto nell’altro senso, opponendosi alla caduta di acqua calda e in questo modo raffreddandola.
Lavorando con reflui ad alto contenuto organico, batteri, microrganismi e alghe possono crescere sui corpi di riempimento, riducendo l'efficienza della torre; per questo motivo è necessario effettuare periodicamente un trattamento con cloro per eliminare questi microrganismi.


Questa tecnologia è parte integrante del processo di trattamento di un Impianto Biologico.

eco innovationProgetto WASATEX