Politica sui Cookies

Questo Sito Web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. Continuando ad utilizzare questo sito Web stai implicitamente autorizzando l'utilizzo dei cookies. Per accettare in via permanente e rimuovere questo avviso, fai click su 'ACCETTO'.

La rimozione delle sabbie dai reflui può essere conseguita in bacini di dissabbiatura o in separatori centrifughi. Sono progettati per rimuovere sabbie, ghiaie e altri solidi pesanti caratterizzati da velocità di sedimentazione o peso specifico notevolmente superiore a quello dei solidi organici putrescibili presenti nelle acque reflue.

I dissabbiatori sono realizzati per:

  • Proteggere gli equipaggiamenti meccanici dall’abrasione e dai fenomeni di usura conseguenti;
  • Ridurre la formazione di depositi nelle tubazioni, nei canali e nei condotti;
  • Ridurre la frequenza degli interventi di pulizia dei digestori, resi necessari a causa dell’eccessivo accumulo delle sabbie.

Tre sono le tipologie principali: a flusso orizzontale (rettangolare o quadrato); aerate; oppure del tipo a vortice. Il modello più utilizzato è quello areato, a cui si abbina anche un trattamento di disoleazione in modo da ottenere in un unico bacino le seguenti operazioni:

  • Separazione dei solidi pesanti costituiti essenzialmente da sabbia
  • Separazione delle sostanze oleose e grassi con affioramento favorito dall'insufflazione d'aria
  • Ossigenazione dei liquami con insufflazione d'aria, per combattere l'insorgere di fenomeni di asetticità.

dissabiatura 0wLa separazione dei materiali leggeri da quelli pesanti è ottenuta mediante insufflazione d’aria a bassa pressione tramite dei diffusori a membrana elastica, che provocano una adeguata agitazione negli strati superiori del liquame in sosta nel bacino, favorendo la risalita delle sostanze oleose in superficie. Queste si concentrano in una zona superficiale esterna, delimitata da un setto circolare, mentre i granelli di sabbia si depositano nella zona inferiore del bacino, dove l'agitazione provocata dall'aria risulta praticamente assente.

L’evacuazione delle sostanze oleose e grasse si effettua periodicamente mediante un sistema raschiante che indirizza la crosta flottata nell’apposito pozzetto di raccolta che viene svuotato periodicamente ad intervalli regolari.

L’estrazione della sabbia viene effettuata tramite un air-lift che la invia ad un apposito concentratore. L'acqua che si separa dalla sabbia viene inviata al sollevamento iniziale, mentre la sabbia viene periodicamente scaricata in un apposito cassonetto di raccolta.

dissabiatura 1w

dissabiatura 2w

 

 

 

 

 

 

 

 

Questa tecnologia è parte integrante del processo di trattamento di un Impianto Biologico.

eco innovationProgetto WASATEX